Circolo Filologico Linguistico Padovano

Il Circolo Filologico Linguistico Padovano è stato fondato il 3 Dicembre 1963 da Gianfranco Folena (che aveva voluto esportare a Padova, diventata dal 1954 la sua nuova sede universitaria, l'esperienza del Circolo Linguistico Fiorentino, nato nel 1945 per iniziativa di Giacomo Devoto e Carlo Alberto Mastrelli, cui collaboravano molti degli allora maestri e amici di Folena, Carlo Battisti, Gianfranco Contini, Bruno Migliorini, Giovanni Nencioni). Il Circolo padovano ha occupato però uno spazio più vasto, allargando il suo raggio di intervento anche a temi filologici, dialettologici, storici, letterari. Il Circolo, che si riunisce ogni mercoledì alle 17:30 durante l'anno accademico, ha superato ormai le 1700 sedute e ha contribuito a creare uno spazio di discussione, senza steccati disciplinari o accademici, aperto a studiosi di alta levatura internazionale. Ne sono un'evidente dimostrazione, tra gli italiani, i nomi di Avalle, Berengo, Carena, Cases, Arrigo e Ornella Castellani, Contini, Eco, Maria Corti, De Mauro, Dionisotti, Fido, Fubini, Isella, Giulio e Anna Lepschy, Migliorini, Nencioni, padre Pozzi, Roncaglia, Schiaffini, Segre, Stussi, Varvaro, Vitale, e, tra gli stranieri, quelli di Delbouille, Greimas, Ineichen, Jakobson, Malkiel, Martinet, Mölk, Starobinski, Tøgeby, Väänänen, Weinrich, Zumthor. A questi vanno aggiunti i "nostri", quelli attivi prima nell'Istituto di Filologia neolatina e poi in Dipartimento, fra i quali Bandini, Limentani, Mengaldo, Marisa Milani, Renzi,Tucci, e gli "ex" della diaspora nelle varie Università, Daniele, Mancini, Meneghetti, Spezzani, Zambon), alla pari con giovani studiosi, neolaureati e studenti. E non si deve dimenticare la larga attenzione e apertura del Circolo a poeti e scrittori (Rafael Alberti, Betocchi, Bertolucci, Calzavara, Caproni, Giudici, Luzi, Magris, Pierro, Rigoni Stern, Sereni, Zanzotto) e a uomini di teatro (De Bosio, Zorzi). La personalità di Gianfranco Folena, le sue iniziative culturali (è il caso dei convegni interuniversitari di Bressanone a partire dal 1973, del Premio Monselice per la traduzione letteraria, dal 1971, della progettazione della Storia della cultura veneta, dal 1976) ha formato generazioni di studenti e studiosi e, proprio attorno al Circolo, ha creato una comunità umana e scientifica che, al di fuori dell'Università di Padova, è stata etichetta (magari con una punta di simpatica 'invidia') come «i folenotteri».

Il Circolo Filologico Linguistico Padovano entra con l'A.A. 2021-2022 nel suo LIX anno di vita

 

Le sedute si tengono ogni Mercoledì alle ore 17.30 nell'Aula 8 del Complesso Beato Pellegrino (Via E. Vendramini, 13).

 

Si invita a intervenire e a partecipare alla discussione.  

L'attività del Circolo Filologico Linguistico Padovano seguirà nei mesi di Novembre e Dicembre 2021 il seguente programma:

3 Novembre CLAUDIO GIUNTA (Università di Trento)
Avere le visioni, sentire le voci. Considerazioni di metodo a partire da un sonetto di Dante
In collaborazione con Seminario di Italianistica - Centenario Dantesco Patavino  
10 Novembre ELENA MUZZOLON (Università di Padova)
L'urlo della battaglia: suoni di guerra nel romanzo cavalleresco d’oïl
17 Novembre ELISA BARBISAN (Università di Padova)
«Una partitura visibile». Valori stilistici dello spazio grafico in Andrea Zanzotto
24 Novembre FURIO BRUGNOLO (Università di Padova)
Volumi, libelli, corone e controversie. Modelli e presupposti della biblioteca lirica di Dante
In collaborazione con Seminario di Italianistica - Centenario Dantesco Patavino  
1 Dicembre MARIO ISNENGHI (Università Ca' Foscari Venezia)
in dialogo con LORENZO RENZI (Università di Padova)

Città, guerre, società: vite e scritture di uno storico corsaro
15 Dicembre La filologia di Mario Mancini
Intervengono:
ALVARO BARBIERI (Università di Padova)
ADONE BRANDALISE (Università di Padova)
MARCO INFURNA (Università Ca' Foscari Venezia)
GIANFELICE PERON (Università di Padova)
FRANCESCO ZAMBON (Università di Trento)

 

 

Le sedute del 3 e del 24 novembre sono organizzate in collaborazione col Seminario di Italianistica - Centenario Dantesco Patavino.

L'accesso agli spazi di Ateneo è consentito solo alle persone provviste di Green Pass o di certificato medico di esenzione.
È comunque sempre obbligatorio l'uso della mascherina.
Per assicurare il tracciamento ed evitare di superare la capienza dell'aula tutti i partecipanti, entro le 13.00 del giorno della conferenza, dovranno registrare la loro presenza negli appositi moduli accessibili dal seguente link: https://unipd.link/prenotazioni_CFLP .

Per garantire la massima partecipazione le sedute del Circolo verranno trasmesse in sincrono sulla piattaforma Zoom, al seguente link:
https://unipd.zoom.us/j/611166304 .

Circolo Filologico Linguistico Padovano - CREDITI

I diversi corsi di laurea (triennali e magistrali) afferenti al DiSLL legiferano in totale autonomia sul regolamento che disciplina l'attribuzione dei crediti di "Stage, tirocini e seminari". Raccomandiamo pertanto alle studentesse e agli studenti di informarsi preventivamente su quante ore di frequenza attiva siano necessarie per conseguire la verbalizzazione dei 3 CFU nel corso di studi al quale sono iscritte/i. La Segreteria del Circolo Filologico Linguistico Padovano, come tutti i comitati organizzatori di convegni o di seminari permanenti, non ha titolo per conferire crediti, ma soltanto per certificare la partecipazione agl'incontri del mercoledì (nella misura di due ore a seduta). Si ricorda inoltre che, per ottenere l'attestazione di frequenza, studentesse e studenti dovranno produrre un'articolata relazione che dimostri l'ascolto attento e criticamente partecipe di almeno una conferenza. Le relazioni vanno inviate al seguente recapito elettro-postale: alvaro.barbieri@unipd.it