Personale docente

Claudia Criveller

Ricercatore universitario confermato

L-LIN/21

Indirizzo: VIA BEATO PELLEGRINO, 1 - PALAZZO MALDURA - PADOVA . . .

Telefono: 0498278667

E-mail: claudia.criveller@unipd.it

  • Il Mercoledi' dalle 10:30 alle 11:30
    presso Studio docente, via Beldomandi 1, secondo piano
    Dal 1 novembre 2016

Dopo la laurea con lode in Lingue e Letterature Straniere all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, Claudia Criveller ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Lingue e Civiltà dell’Europa Orientale presso la medesima Università nel 2005.

Dal 2005 al 2008 è stata docente a contratto di lingua e letteratura russa (L-LIN/21 Slavistica) nelle Università di Venezia (SSIS del Veneto)e Trento e di traduzione tecnico-scientifica all'Università di Udine.

Dal 2008 è ricercatrice di lingua e letteratura russa all’Università di Padova, Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari. E’ membro del Collegio Docenti del Dottorato in Scienze Linguistiche, Filologiche e Letterarie e membro del Direttivo del Centro Linguistico di Ateneo.

I suoi interessi di ricerca sono rivolti principalmente alla letteratura russa del Novecento e più specificamente al simbolismo (in particolare Andrej Belyj). Si è occupata di Tommaso Landolfi studioso di letteratura russa. Coordina un gruppo di ricerca internazionale sulla rappresentazione del sé nella cultura russa, tema nell’ambito del quale ha studiato forme e generi auto-biografici nell’opera di Venedikt Erofeev, Evgenij Charitonov, Lidija Čukovskaja, Vladimir Nabokov, Andrej Sinjavskij.
Attualmente si occupa della fiction autobiografica (romanzo autobiografico e autofiction) nella letteratura russa in chiave diacronica e sincronica e sta lavorando a una monografia sulle strategie di autorappresentazione in Andrej Belyj.

Nell’ambito del progetto “La rifrazione del sé. Generi autobiografici e memorialistici nella cultura russa del XIX e XX secolo (http://www.maldura.unipd.it/rifrazionedelse/it/), finanziato dall’Ateneo patavino, ha organizzato dei convegni internazionali e fondato con Andrea Gullotta la rivista online e peer-reviewed “Avtobiografiя” (www.avtobiografija.com).

Ha presentato i risultati delle sue ricerche in convegni, volumi e riviste di rilevanza internazionale.

E’ membro dell’Associazione Italiana Slavisti (AIS) e della International Auto/Biographical Association (IABA).

Download Curriculum_Criveller.pdf

Pubblicazioni 2010-2013

Tommaso Landolfi legge Anna Achmatova, “Rivista di letterature moderne e comparate”, 2010, I, pp. 51-70.

Madness as an aesthetic and social act in Russian autobiographical prose. The case of Venedikt Erofeev’s Memoirs of a Psychopath, “Toronto Slavic Quarterly”, 36, Spring 2011, pp. 48-61.

«Эпопея» - теоретические аспекты и рождение жанра «автофикшн» в русской литературе, in Andrej Belyj sredi mirov, a cura di M. Spivak, K. Ičin, Belgrad-Moskva, Filologičeskij fakul’tet v Belgrade-Dom muzeja A. Belogo, 2011, pp. 687-697.

“Io sono il padrone del mio sogno” . Evgenij Charitonov e la letteratura del sottosuolo come costruzione dell’io, “E-Samizdat”, 2011, VIII, pp. 119-133.

A proposito della fiction autobiografica: un inquadramento teorico sullo sfondo del formalismo russo, in Uomini, opere e idee tra Occidente europeo e mondo slavo. Scritti offerti a Marialuisa Ferrazzi (a cura di A. Mingati, D. Cavaion, C. Criveller), Università degli Studi di Trento. Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Filologici, 2011, pp. 123-146.

Introduzione, in Scritture dell’io. Percorsi tra i generi autobiografici della letteratura europea contemporanea, a cura di A. Gullotta, F. Lazzarin, Bologna, Emil di Odoya, 2011, pp. 7-11.

Andrej Sinjavskij, il “nobile brigante”, “Mnemosyne o la costruzione del tempo”, 2012, 5, pp. 41-51.

“La nostra diversità mi piaceva”. La mite, La muta, Così bella, così dolce. Dialoghi intertetestuali, in Così bella, così dolce. Dalle pagine di Dostoevskij al film di Bresson, a cura di F. Bono, L. Cimmino, G. Pangaro, Soveria Mannellli, Rubbettino, 2012, pp. 39-58.

Sof’ja Petrovna e Nina Sergeevna: le ‘donne nell’astuccio’ di Lidija Cukovskaja tra realtà e finzione, in A Garland of True Plain Words. Saggi in onore di Paola Bottalla, a cura di A. Oboe, A. Scacchi, Padova, Unipress, 2012, pp. 339-358

Introduzione, “Avtobiografiя”, 2012, 1, pp. 1-9

Gli studi sui generi auto-biografici e memorialistici in Russia, “Avtobiografiя”, 2012, 1, pp. 21-48

Il ricevimento di mercoledì 27 è anticipato a martedì 26 settembre ore 10.30