Personale docente

Giovanna Maria Gianola

Telefono: 0498274851

E-mail: giovanna.gianola@unipd.it

Giovanna M. Gianola, già professore ordinario di Letteratura latina medievale presso l'Università di Padova, fa parte del Comitato scientifico della rivista «Italia medioevale e umanistica», della Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (S.I.S.M.E.L.), della Commissione scientifica per l’Edizione Nazionale dei Testi Mediolatini, della Commissione scientifica per l’Edizione Nazionale dei Testi della Storiografia Umanistica, del Collegio dei docenti del Corso di perfezionamento postuniversitario per lo studio della filologia e letteratura latina medievale organizzato dalla Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (S.I.S.M.E.L.) e dalla Fondazione Ezio Franceschini; è socio effettivo dell'Accademia Galileiana di Scienze, lettere ed arti.

Download Curriculum_Gianola.pdf

Principali pubblicazioni: Il greco di Dante. Ricerche sulle dottrine grammaticali del Medioevo, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti 1980 (Memorie. Classe di Scienze morali, Lettere ed Arti, vol. XXXVII, fasc. III). - La raccolta di biografie come problema storiografico nel "De viris" di Giovanni Colonna, in «Bullettino dell'Istituto Storico Italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano», LXXXIX, 1980-1981. - L'Ecerinide di Ferreto Ferreti: "De Scaligerorum origine" I, 119-455, in «Studi Medievali», S. III, XXV, I, 1984. - Le "divinae personae" nell'epica del primo Trecento: Albertino Mussato, Pace da Ferrara (e Dante), in Studi in onore di Vittorio Zaccaria in occasione del settantesimo compleanno, Milano, a cura di M. Pecoraro, Unicopli 1987. - L'"Ecerinis" di Albertino Mussato tra Ezzelino e Cangrande, in Nuovi studi ezzeliniani, a cura di G. Cracco, II, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo 1992 (Nuovi studi storici, 21). - Le "divinae personae" nell'Ylias latina di Giuseppe di Exeter, in L'Antichità nella cultura europea del Medioevo - L'Antiquité dans la culture européenne du Moyen Age, Ergebnisse der internationalen Tagung in Padua (27.09.-01.10.1997), Herausgegeben von R. Brusegan und A. Zironi, Greifswald, Reineke-Verlag 1998. - ALBERTINI MUXATI De obsidione domini Canis Grandis de Verona ante civitatem Paduanam, edidit G.M. Gianola, Patavii, In aedibus Antenoreis 1999 (Thesaurus mundi, 27). - Ezzelino e i suoi nei “componimenti misti di storia e d’invenzione”, in Ezzelini, Signori della marca nel cuore dell’Impero di Federico II, a cura di C. Bertelli e G. Marcadella, Milano, Skira 2001. - Albertino Mussato “personaggio” e la Traditio civitatis Padue: primi appunti, in Miscellanea di studi in onore di Giovanni Da Pozzo, a cura di D. Rasi, Roma - Padova, Editrice Antenore, 2004 (Miscellanea erudita, 68). - I Carraresi dopo i Carraresi: forme di una sopravvivenza letteraria, in Padova Carrarese, Atti del Convegno Padova, reggia dei Carraresi, 11-12 dicembre 2003, a cura di O. Longo, Padova, Il Poligrafo, 2005 («I poliedri», 1). - La terminologia greca fra grammatica e retorica: repertori mediolatini ed esegesi trecentesca, in Petrarca e il mondo greco. Atti del Convegno internazionale di studi, Reggio Calabria 26-30 novembre 2001, a cura di M. Feo, V. Fera, P. Megna, A. Rollo = «Quaderni petrarcheschi» XII-XIII, 2002-2003, Firenze, Le Lettere, 2007. - Sui ritmi che accompagnano le immagini giottesche delle Virtù e dei Vizi nella Cappella degli Scrovegni, in «Italia medioevale e umanistica», XLVII, 2006. - I Varia poemata di Mattia Flacio Illirico e la poesia mediolatina, in Antologie, a cura di B.M. Da Rif e S. Ramat, Padova, Il Poligrafo, 2009. - La tradizione del De gestis Henrici di Albertino Mussato e il velo di Margherita, in «Filologia mediolatina», XVI, 2009. - Ipotesi su un’edizione trecentesca delle opere storiografiche di Albertino Mussato, in «Italia medioevale e umanistica», L, 2009. - In margine all’Africa: ancora su Petrarca e i poeti latini del XII secolo, in «Atti e Memorie dell'Accademia Galileiana di Scienze Lettere ad Arti», 2009-2010, vol. CXXII, parte III (Memorie della Classe di Scienze Morali ed Arti). - «Procul a Fame palpebris»: la Fama come male da Virgilio a Boccaccio, in Fama e publica vox nel Medioevo. Atti del convegno di studio svoltosi in occasione della XXI edizione del Premio internazionale Ascoli Piceno (Ascoli, Palazzo dei Capitani, 3-5 dicembre 2009), a cura di I. Lori Sanfilippo e A. Rigon, Roma, Istituto storico italiano per il medio evo, 2011. - Giovani e vecchi nella poesia latina medievale, in Letteratura e conflitti generazionali. Dall’antichità classica a oggi, a cura di D. Susanetti e N. Distilo, Roma, Carocci, 2013.

Giovanna M. Gianola ha studiato alcuni aspetti dello storia della grammatica nel medioevo (Il greco di Dante. Ricerche sulle dottrine grammaticali del Medioevo, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti 1980; La terminologia greca fra grammatica e retorica: repertori mediolatini ed esegesi trecentesca, in «Quaderni petrarcheschi» XII-XIII, 2002-2003), la poesia epica mediolatina (Le "divinae personae" nell'epica del primo Trecento: Albertino Mussato, Pace da Ferrara e Dante, in Studi in onore di Vittorio Zaccaria in occasione del settantesimo compleanno, a cura di M. Pecoraro, Milano 1987; Le "divinae personae" nell'Ylias latina di Giuseppe di Exeter, in L'Antichità nella cultura europea del Medioevo - L'Antiquité dans la culture européenne du Moyen Age, Herausgegeben von R. Brusegan und A. Zironi unter Mitwirkung von A. Berthelot und D. Buschinger, Greifswald 1998, pp. 43-50), ma soprattutto la letteratura del primo umanesimo con lavori dedicati a Giovanni Colonna, Ferreto Ferreti e Albertino Mussato. Ha allestito l’edizione critica del poema "De obsidione domini Canis Grandis de Verona ante civitatem Paduanam" di Albertino Mussato (Padova, Antenore, 1999) e sta ora preparando quella delle opere storiografiche di questo autore. La sua bibliografia comprende alcuni studi sulla poesia ritmica latina.

L'appello di LETTERATURA LATINA MEDIEVALE di venerdì 30 giugno, ore 15.30, si terrà regolarmente.

Per concordare un colloquio, laureandi e altri studenti sono pregati di scrivere alla docente.